Sul sentiero del conoscere
"Pino uncinato - mugo e strobo"

Gli ingredienti dell'ambiente alpino sono tutti quegli elementi che ci circondano e ci accompagnano in quota durante le escursioni. Spesso li abbiamo osservati con stupore, fotografati o raccontati ma, di che si tratta?

 

Bentornati per un nuovo breve viaggio “Sul sentiero del conoscere”.

Le conifere di cui vi racconto in questo articolo presentano delle particolarità per la reperibilità: le prime due specie sono tipiche dell’ambiente alpino, mentre l’ultima  non è autoctona.

Ma vediamo come riconoscerli:

Il pino uncinato(1) e il pino mugo(2), anche detti “pini montani”, crescono a quote di tutto rispetto: il mugo tra 1500 e 2700 metri, mentre l’uncinato tra 1200 e 2200 metri circa.

   L’uncinato(1) lo si riconosce perché:

-        ha la corteccia di colore uniforme;

-        gli aghi sono riuniti a coppie di due;

-        i suoi coni presentano degli “uncini”, da cui deriva il suo nome;

-        il suo aspetto è simile a quello del pino rosso, ma l’altezza di crescita del suo fusto è minore.

Il mugo(2) ha solitamente un portamento cespuglioso, non ad alto fusto, quindi è facilmente riconoscibile. Questa sua caratteristica lo rende una buona pianta per il controllo idrogeologico delle aree in cui cresce: la sua forma e le sue radici trattengono il terreno, quindi aiuta a prevenire frane e smottamenti.

Il pino strobo(5) è una specie americana introdotta e coltivata in Italia negli anni ’70.  Cresce ad altitudini minori (non supera i 1000 metri).

Si riconosce perché:

-        i suoi aghi(6) sono riuniti a gruppi di cinque per ciuffo e tendenti al basso;

-        il cono(7) ha forma molto allungata.

L’interesse verso questa conifera era dettato dalla produzione di pasta da carta e suppellettili quali infissi e pavimenti.

Alla prossima escursione “sul sentiero del conoscere”

 

Elena (Formatore Equestre) del Team AlpiRadio.it  © 2020 

 

 

 


© Wikimedia

 

Siamo sui social

HOME | CHI SIAMO | ON AIR | LA MONTAGNA | LINK | CONTATTI
 

Copyright © 2018 - 2020 alpiradio.it - Tutti i diritti sono riservati | Cookie Policy | Disclaimer | Powered by IU1GFO


Sito con certificato di sicurezza